Tax Credit 2018 destinata agli hotel: come funziona

Giovedì, 01 Febbraio 2018

La Legge di Bilancio ha istituito nuovi fondi per il settore ricettivo da destinare al credito di imposta per la riqualificazione degli alberghi, agriturismi e strutture termali.

Tax credit alberghi e agriturismi 2018: tra le tante novità della Legge di Bilancio in vigore dal 1° gennaio 2018 vi è la proroga del credito d’imposta per le strutture turistiche.

Il credito d’imposta è rivolto agli interventi di ristrutturazione edilizia, abbattimento delle barriere architettoniche e miglioramento energetico delle imprese turistiche. Il credito di imposta è stato istituito con il D.L. 83/2014, il Decreto cultura e turismo, con misure volte alla digitalizzazione delle strutture ricettive e alla riqualificazione delle medesime, entrambe basate sullo strumento del credito d’imposta.

Con la Manovra di Bilancio 2018 quest’ultimo è stato ampliato e potenziato ed esteso anche agli stabilimenti termali (art. 3, legge n. 323/2000) che prima non erano stati inclusi nel beneficio. Il Credito di imposta per il settore turistico fu introdotto dal D.L. 83/2014, con l’obbiettivo di sostenere le seguenti tipologie di investimento:

> ristrutturazione edilizia;

> eliminazione delle barriere architettoniche;

> miglioramento dell’efficienza energetica;

> spese per l’acquisto di mobili e componenti d’arredo.

Esso inizialmente era destinato esclusivamente alle strutture alberghiere esistenti alla data del 1° gennaio 2012; nella prima versione, il credito di imposta era ripartito in tre quote annuali di pari importo, nel limite del 30% delle spese sostenute nel triennio 2014-2016.

Già nel 2017 il Tax credit alberghi è stato potenziato dalla precedente legge di Bilancio ed esteso anche agli agriturismi: la soglia del credito riconosciuto è stato innalzata dal 30% al 65% delle spese sostenute.

 

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la fruizione dei contenuti